T&L hanno visto Robin Hood L’origine della leggenda

Ciamo amici siamo T&L (Thelma&Louise) e questa volta abbiamo visto Robin Hood – L’origine della Leggenda il nuovo film con Jamie Foxx e Taron Egerton che ci riporta in quella Nottingham cupa e triste che abbiamo già visto in tante pellicole.

Questa volta partiamo dalle origini: Robin di Loxley, lord inglese, si vede costretto a lasciare la sua patria e la sua amata Marion per intraprendere la terza crociata. Una volta in Terrasanta, Robin capisce che la guerra, e i crociati che la combattono, sono lontani dagli ideali del cristianesimo; decide, perciò, di ribellarsi agli ordini e tenta di salvare un giovane prigioniero arabo; azione punita con l’immediato rientro in Inghilterra e la nomina di traditore. 

Di nuovo in patria, Robin può vedere con i propri occhi l’impatto che la guerra ha avuto sui civili, riducendoli alla povertà e costringendoli a vivere nelle miniere. Dietro a questo clima di terrore c’è lo sceriffo di Nottingham che costringe i cittadini a versare ogni penny guadagnato in una tassa di guerra per aiutare i crociati. Oltre ai problemi politici e sociali, si aggiunge il fatto che Marion, convinta che Robin fosse morto da due anni, si sia trovata un nuovo compagno. Il nostro protagonista, ormai disperato, trova un nuovo motivo per combattere grazie a John, soldato arabo conosciuto sul campo di battaglia, nonché padre del giovane che Robin aveva cercato di salvare; il quale, commosso dalla sua condotta, decide di seguirlo in Inghilterra per combattere i misfatti compiuti dai potenti ai danni dei più deboli. Robin decide, quindi, di impugnare arco e frecce per diventare quell’eroe che tutti noi, dall’infanzia, conosciamo fin troppo bene che ruba ai ricchi per dare ai poveri.

Il regista Otto Bathrust ci porta in una Nottingham diversa dal solito dove “non c’è felicità” (come cantava il cantagallo della Disney) ma troviamo protagonisti fighetti, vestiti decisamente anacronistici e armi mai viste dal genere umano (mi viene in mente quell’ibrido tra balestra e mitragliatrice proprio all’inizio del film). In tutto questo caos generale la trama e i personaggi vengono meno e ci si concentra molto più sui muscoli e sulle scollature dei protagonisti, che non sulla storia principale.

Ascoltateci su www.radiocalibro.it !!! Quando ???

MERCOLEDÌ 11:00  12:00

VENERDI 12:00  12:30

DOMENICA 18:00  18:30

 

Leggi anche —> I Crimini di Grindelwald T&L